Si può riuscire a fare un dolce bello a vedersi e buono a gustarsi anche senza nuocere alla salute e senza avere troppi rimorsi di coscienza , utilizzando un frutto di stagione “la fragola.”

Qualche giorno fa, per il compleanno di mio marito, il problema era sempre il solito accontentare tutti: gusti, linea, gluten free, lactose fre , appetibile, con pochi zuccheri e…. chi più ne ha più ne metta!!

In realtà per questa Bavarese alle fragole sono bastati pochi semplici ingredienti e poco tempo:

500 gr di fragole appena raccolte a km 0

120 gr di zucchero grezzo di barbabietola

500 gr di panna di soia(o di cocco o di riso). Nella ricetta originale si usa la panna montata,ma sapete tutti che non sono un’ amante del latte e per tale motivo ho usato la panna di soia.

20 gr di colla di pesce oppure agar o farina di semi di carruba.

Se le fragole, come nel mio caso sono molto dolci e profumate, si può ulteriormente ridurre lo zucchero.

La preparazione della bavarese è semplicissima si frullano le fragole con lo zucchero. Si scioglie a bagnomaria la colla di pesce, precedentemente messa in ammollo per 10 minuti e poi si mescola bene al frullato. Poi si aggiunge delicatamente la panna montata, si versa il composto in uno stampo per dolci e si mette a solidificare in frigorifero per circa tre ore.

Il risultato è un successo garantito!!

bavarese-fragole-vitamine-ferro-calcio-magnesio-Valentina Ronsisvalle-nutrizionista-Catania-nutrizione-magazine-laltracura-l'altracura

La fragola è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Rosaceae (genere Fragaria ). In senso botanico la fragola non è un frutto:la parte edule rappresenta il rigonfiamento del peduncolo dopo la fecondazione del fiore. I veri frutti sono gli acheni, quelli che spesso chiamiamo semini.

 

 

Le fragole contengono vitamine C (in abbondanza), E, vitamine del gruppo B e K, discrete quantità di ferro, sodio,potassio, calcio, fosforo e magnesio, e un alto contenuto di fibre. Sono ricche di acido ellagico, sostanza con provate proprietà antitumorali. Hanno un basso indice glicemico e per questo possono essere consumate senza troppi problemi per la linea, negli spuntini o a colazione in una ciotola con cereali (fiocchi di avena, di riso, quinoa, miglio) frutta secca, semi e chips di cocco senza zucchero. I soggetti allergici devono fare attenzione a consumarle con moderazione perchè la fragola è un istamino liberatore. Può provocare orticaria o altre manifestazioni allergiche

Dott.ssa Valentina Ronsisvalle Biologa Nutrizionista