“La floriterapia è un sistema terapeutico, riconosciuto dall’OMS, rivolto al trattamento degli squilibri emozionali che vengono interpretati come disarmonia psico-spirituale. Essa rappresenta un esempio di medicina olistica nel senso più elevato del termine, che considera la salute e la malattia il risultato dell’armonia e della disarmonia fra le parti che costituiscono l’essere umano, cioè il Corpo, la Psiche e lo Spirito.” ( Cit.   M. Blandino : Floriterapia di Bach dalla filosofia alla clinica)

“… In breve, la malattia apparentemente così crudele, è in se stessa benefica e per noi proficua, perché se la interpretiamo correttamente ci mostrerà i nostri difetti essenziali. Curata in modo adatto permetterà l’eliminazione di questi difetti, lasciandoci migliori e più maturi di prima. La sofferenza è un correttivo che mette in luce la lezione che non siamo riusciti a comprendere in altro modo e non può essere sradicata finché la lezione non sarà stata compresa.”  E. Bach

Il primo passo per combattere lo stress è riconoscere di quale tipo si tratta.

In base alle emozioni che esso scatena, infatti, le cure cambiano. Soltanto individuando i sentimenti all’origine di tutto, si risolvono i disagi fisici e psicologici associati e si riescono a ripristinare il benessere e l’equilibrio della persona. Serve a poco, invece, intervenire sui sintomi fisici: così facendo, al limite, si può ottenere un miglioramento temporaneo della situazione, ma sicuramente non si risolve il malessere di base.

Le emozioni associate allo stress non agiscono solamente a livello psicologico. In molti casi, la persona le somatizza, arrivando a manifestare anche problemi fisici. Ad esempio, l’agitazione può interferire con la respirazione, causando la sensazione di “fiato corto” e di mancanza d’aria, oppure può determinare un aumento della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca, mentre la paura può originare tensioni muscolari a livello di spalle e collo. Chi prova rabbia, invece, può digrignare i denti, fino ad avere indolenzimento di mandibola e collo e cefalea. Un altro disturbo tipico è la tensione dei muscoli dell’avambraccio, inconsciamente teso con il pugno chiuso, dal quale deriva l’epicondilite, ovvero l’infiammazione dei tendini del gomito.


 

floriterapia-fiori di bach-fitoterapia-Gabriella Caruso-naturopata-Catania-magazine-laltracura-l'altracura

Oltre ai rimedi, ho aggiunto le “affermazioni positive” da ripetere come dei mantra per il raggiungimento dei nostri obiettivi.

In alcuni casi, lo stress prosciuga la persona di ogni energia e vitalità. Gli stressati apatici hanno l’impressione che tutto sfugga loro di mano e di conseguenza diventano tristi, depressi, perdendo la voglia di fare e l’interesse verso ogni aspetto del mondo esterno.

 

Per combattere l’apatia, si può ricorrere a:

Clematis combatte il disinteresse per il presente, la tendenza a sognare ad occhi aperti, le fughe nella fantasia ed in mondi irreali.

Affermazione positiva: metto in pratica i miei ideali e i miei sogni.

Gentian indicato in caso di depressioni temporanee dovute a lutti o a problemi sentimentali;

Affermazione positiva: sono sicuro e faccio di ogni situazione la migliore.

Gorse utile contro la disperazione totale e la mancanza di speranza.

Affermazione positiva: il sole è di nuovo nella mia vita e sono pieno di speranza e coraggio.

Olive aiuta le persone che si sentono scariche ed esauste per lo stress e coloro che soffrono di esaurimento sia fisico che mentale.

Affermazione positiva: sento scorrere in me un potenziale energetico.


 

floriterapia-fiori di bach-fitoterapia-Gabriella Caruso-naturopata-Catania-magazine-laltracura-l'altracuraSe in certi casi lo stress causa apatia e depressione, in altri ha l’effetto opposto, alcune persone particolarmente stressate diventano iperattive, agitate ed ansiose. Non riescono a vivere in maniera rilassata e fremono di fronte a qualsiasi piccolo imprevisto.

 

 

Per calmare l’agitazione, si possono usare:

Agrimony  l’ansiolitico per eccellenza, combatte l’inquietudine interiore e riduce l’agitazione.

Affermazione positiva: esco allo scoperto e mi decido al confronto con me stesso.

White Chestnut  il rimedio più adatto per chi è afflitto da preoccupazioni costanti.

Affermazione positiva: i miei pensieri sono chiari, concentrati e costruttivi. Mi rilasso e acquieto la mia mente.

Wild Oat  in caso di insoddisfazione per la propria vita e di incertezza sulla strada da seguire.

Affermazione positiva: intuisco la via da percorrere e mi avvio nella giusta direzione.


 

floriterapia-fiori di bach-fitoterapia-Gabriella Caruso-naturopata-Catania-magazine-laltracura-l'altracura

Chi è costretto a seguire ritmi intensi può reagire diminuendo la sua soglia di sopportazione e di tolleranza, diventando facile preda dell’ira e degli scatti nervosi. La rabbia si associa quasi sempre all’ansia, per cui si possono combinare tra loro i rimedi già citati per l’agitazione.

 

 

Per tenere a freno la rabbia, i fiori indicati sono:

Beech  se l’ira si combina  con l’intolleranza e l’eccessivo senso critico.

Affermazione positiva: sono comprensivo con le mie debolezze e con quelle altrui.

Chicory se, invece, la rabbia dipende dalla possessività, dal proprio bisogno d’invadere gli spazi altrui, dal bisogno frustrato di manipolare gli altri.

Affermazione positiva: più dono, più ricevo così più ricevo e più ho da donare.

Holly per chi si irrita e si indispettisce rapidamente, vivendo attimi in cui vorrebbe distruggere tutto.

Affermazione positiva: apro il mio cuore e sono pieno d’amore e compassione.

Impatiens per le persone impazienti, che si arrabbiano facilmente e per un nonnulla, che sono sempre tese ed infuriate.

Affermazione positiva: rallento il mio pensiero e l’inutile corsa della mia vita.

Vine per combattere la rabbia legata all’ambizione esagerata, al desiderio di dominio e potere.

Affermazione positiva: sviluppo amore e comprensione verso ogni individuo.


 

floriterapia-fiori di bach-Gabriella Caruso-naturopata-Catania-magazine-laltracura-l'altracura

In alcune persone, lo stress si associa ad una sensazione di paura ed angoscia. La persona, infatti, non riesce più a reggere i ritmi a cui è sottoposta e finisce con il provare timore per se stessa e per gli altri e preoccupazione per tutto ciò che le succede, anche per gli eventi più banali.

 

Per superare la paura, i fiori singoli più indicati sono:

Aspen allontana angosce inspiegabili, paure vaghe, panico e presentimenti negativi infondati: è il rimedio per le paure vaghe ed ignote per le quali non esiste spiegazione.

Affermazione positiva: sono protetto nella luce e prendo come un dono la mia sensibilità.

Cherry Plum tiene a bada la paura di perdere il controllo delle proprie azioni e di fare del male a se stessi e/o agli altri.

Affermazione positiva: ho fiducia in me e nel mio comportamento.

Mimulus combatte la paura quotidiana di cose concrete (incidenti, sfortuna, solitudine, povertà, dolore), che paralizza o fa agire frettolosamente.

Affermazione positiva: trovo il coraggio di affrontare l’esperienza della vita.

Red Chestnut  utile per coloro che sono in ansia per gli altri, che proiettano le loro paure su chi li circonda, temendo per la loro salute.

Affermazione positiva: mi tranquillizzo e creo la giusta distanza tra me e gli altri.

Rock Rose indicato quando la paura si trasforma in terrore, panico. Dà il coraggio di affrontare eventi molto impegnativi.

Affermazione positiva: con lucidità e prontezza mentale intraprendo la giusta azione.

Gabriella Caruso   Naturopata