Total Resistance Excercise: in breve, TRX, l’attrezzo che potrai integrare alle tue sessioni di allenamento funzionale.

Di cosa si tratta? Semplicissimo: cavi, corde, maniglie. Facile da trasportare, puoi ancorarlo ovunque (basta una ringhiera, un albero se sei all’aria aperta, una porta o qualsiasi supporto fisso se in casa) e allenare praticamente tutto il corpo sfruttando la sua versatilità e semplicità. Obiettivo? Usando le maniglie come ancoraggio, riuscire a stabilizzare il corpo per eseguire ogni esercizio.

È un allenamento che sfrutta la forza di gravità e il tuo peso corporeo come unico carico. Questa è una delle ragioni per cui può essere utilizzato a qualsiasi età e in diverse condizioni fisiche (da soggetti in sovrappeso, per esempio): se ben eseguito, infatti, non grava né sui legamenti né sulle articolazioni. Insomma, c’è solo da guadagnarne!

Come funziona il TRX?

Usando il punto di fissaggio del TRX come riferimento, puoi giocare con le angolazioni da far assumere al tuo corpo per regolare la difficoltà di esecuzione. Per esempio, per gli esercizi in piedi, più ti avvicini al punto, più l’esercizio è difficile.

Altrettanto vale per la stabilità: minore è la base di appoggio, maggiore sarà la difficoltà. C’è differenza tra eseguire l’esercizio a gambe divaricate (facile), a gambe unite (intermedio) o, addirittura, su un piede soltanto.

Terzo e ultimo, il principio del pendolo. I cavi, per gravità, tendono verso il basso, sotto al punto di ancoraggio. Se ti disponi in modo tale da oltrepassare il punto di ancoraggio, l’oscillazione del TRX faciliterà il movimento. Al contrario, se distanti da questo punto, viene a mancare l’effetto pendolo e la gravità avrà una forza contraria tale da complicare l’esercizio.

Esercizi con il TRX: alcuni esempi

Pettorali e tricipiti

Impugna le maniglie stando in piedi e dando le spalle al punto di ancoraggio. stendi le braccia di fronte al petto e puntella con le punte dei piedi, sollevando i talloni e sbilanciando il peso del corpo in avanti. Automaticamente la braccia si fletteranno ai lati del corpo. Espirando, riassumi la posizione di partenza, stendendo le braccia.

trx-esercizi-pettorali-tricipiti-Daniela Bellavia-pilates-catania-ginnastica posturale e allenamento funzionale-magazine-laltracura-l'altracura-

Gambe e glutei

Stenditi a terra con le braccia stese lungo i fianchi. Poggia i talloni sopra la staffa in modo da spingere con i piedi contro la maniglia. Solleva glutei e bacino da terra e, da questa posizione stesa, avvicina le ginocchia al petto piegando le gambe. Stendi e torna alla posizione di partenza.

trx-gambe-glutei-Daniela Bellavia-pilates-Catania-ginnastica postutale e allenamento funzionale-magazine-laltracura-l'altracura

Addominali con il TRX

Per questo esercizio dovrai già avere dalla tua un po’ di forza ed equilibrio.
Posiziona il piede sinistro con il dorso infilato nella staffa, ed il destro avanti a questo. Sollevati su un fianco in posizione da side plank, con la mano sinistra a terra, il braccio teso e la spalla in linea. Mantieni la posizione attivando i muscoli dei glutei e del core.

trx-addominali-Daniela Bellavia-pilates-Catania-ginnastica posturale e allenamento funzionale-magazine-laltracura-l'altracura

Allenamento funzionale e TRX

Perché scegliere il TRX come attrezzo per l’allenamento funzionale?
Perché è perfettamente in linea con i fondamenti di quest’ultimo.

Con il suo lavoro sui muscoli, sull’equilibrio e sulla resistenza, puoi beneficiare di miglioramenti in termini di forza e postura all’intero sistema corpo. Per assumere e mantenere la posizione utile ad eseguire un esercizio, infatti, spesso occorre attivare anche altre fasce muscolari, agendo in profondità su più punti.

I benefici del TRX, poi, non sono finiti qui. Tutto questo infatti si traduce anche in termini di dimagrimento e aumento della massa e del tono muscolare. Si lavora molto, inoltre, sull’area del core: anche la tua postura (e di conseguenza tutti quei fastidi a questa legata) ne trarrà benessere.

TRX e allenamento funzionale: perché affidarsi ad un PT?

Sempre tutto bello e facile, ma non fatevi ingannare dall’elementarità dello strumento che avete per le mani: le difficoltà non mancano. Innanzitutto, già di per sé l’allenamento funzionale andrebbe seguito (e dosato!) da un professionista. A maggior ragione, se implica l’ausilio di attrezzature extra che possono rivelarsi tanto benefiche quanto dannose se mal utilizzate.

Il TRX in particolare è un attrezzo che va utilizzato in libertà solo se si ha già una buona consapevolezza del proprio corpo. Ci sono posture e angolazioni da tenere in considerazione e bisogna tenere a bada l’entusiasmo, specialmente se si è alle prime armi.

Natasha Puglisi

Daniela Bellavia  Pilates – Personal Trainer

GUARDA LE OFFERTE DI DANIELA BELLAVIA