Tai Chi Chuan

Lo studio del Tai Chi Chuan

inizia con la sequenza dei movimenti detta ‘forma lenta’. Gradualmente si studiano i singoli movimenti e si introducono i Principi Fondamentali; si impara così ad acquietare la mente, a muovere il corpo in modo rilassato e consapevole, a calmare il respiro. La pratica attenta e costante di queste tecniche, grazie alla loro morbidezza, alla circolarietà e alla lentezza con cui vengono eseguite, rende il corpo più agile e armonioso, migliora la postura, rafforza la struttura ossea ed ha un effetto benefico sul sistema nervoso e sulla circolazione. Scopo ultimo di quet’Arte è stimolare il libero fluire dell’Energia Vitale (Qi o Chi) e ristabilire così armonia ed equilibrio tra corpo, mente e spirito. Tai Chi Chuan significa anche “Lotta del Grande Termine” e riporta alla mente le origini marziali di questa arte.

L’efficacia del Tai Chi Chuan

come arte marziale nasce proprio dal perfetto equilibrio di Yin e Yang sia nei movimenti esterni che negli organi interni. Tale equilibrio permette quello scorrimento di energia interna, grazie alla quale il praticante esperto, con estrema facilità e morbidezza, può neutralizzare attacchi anche di avversari muscolarmente più forti e potenti.

Questo è il motivo principale per cui il Tai Chi Chuan viene definito arte marziale interna. Vale a dire un’arte che fa essenzialmente uso dell’energia interna anziché della forza muscolare. Invece nella maggior parte delle arti marziali (Kung Fu Shaolin, Karate ecc.), l’approccio muscolare è evidente, per questo vengono definite esterne. È importante sottolineare che quindi il Tai Chi Chuan ha nei confronti dell’attacco da parte dell’altro un atteggiamento e delle modalità di reazione estremamente flessibili e morbide.

È chiaro quindi, come il Tai Chi Chuan possa fornire un’utilissima palestra di allenamento per la reazione all’aggressività nella vita quotidiana: vince chi riesce a non iniziare neppure a combattere, vince chi ascolta se stesso e l’altro, vince chi impara dal proprio avversario, vince chi non fugge o non contrattacca. I “nemici” contro cui combattere questa “lotta” non sono, inoltre, gli altri esseri umani ma soprattuttoi malesseri interiori ed i malanni fisici. Il Tai Chi Chuan rappresenta quindi nella società moderna uno strumento per raggiungere un buon equilibrio psicofisico.